L'ALCHIMISTA

ultimo aggiornamento:17/03/06

Home page

Attività

Corsi

Negozio

Info

OLI ESSENZIALI

Aromatologia

Lista Oli Essenziali

 

   

Aromatologia

L’Aromatologia contempla gli oli essenziali nel loro complesso, ad iniziare dal come vengono estratti e creati, cosa che influisce nei loro contenuti e qualità, per giungere attraverso la conoscenza delle loro caratteristiche a adoperarli nei modi più corretti ed efficienti.

Gli Oli Essenziali  costituiscono quanto di più raffinato si possa ricavare da una pianta. In essi si concentrano la personalità, l’anima, e l’energia vitale delle piante. Sono sostanze volatili che evaporano rapidamente diffondendo nell’aria il proprio aroma.

Sono raggi ed energia solare immagazzinati in un vegetale.

Esistono due modi d’intenderne l’uso, ed uno non esclude l’altro.

Il classico, che tiene conto del corpo fisico e la materia, dove in funzione degli scopi curativi o cosmetici da ottenere, si veicolano all’interno del nostro corpo gli oli essenziali, selezionati in base alla loro composizione chimica e ai principi attivi in essi contenuti.

Il sottile, che tiene conto delle emozioni, e della psiche, dove in funzione del stare in armonia, equilibrio, benessere, gli oli essenziali sono scelti ed utilizzati per il tipo di “energie” e vibrazioni di qui sono costituiti, e per come queste entrando in risonanza con le nostre energie e le nostre  vibrazioni, ci riportano in armonia.

 

Nell’uso degli oli essenziali,  sia classico che sottile, è fondamentale la loro buona qualità.

In commercio ci sono oli essenziali che di essenziale e naturale hanno poco o niente, essendo dei derivati sintetici del petrolio, oppure sono naturali ma tagliati (con oli vegetali spremuti a freddo), o naturali ma di scarsa qualità, e l’etichettatura non aiuta nel distinguerli da quelli di buona qualità.

Esistono anche O.E. standardizzati, (di solito in farmacia), che sono lavorati, con aggiunte o sottrazioni per ottenere che siano sempre perfettamente uguali, andando così a snaturare il concetto di olio essenziale.

Un indicatore  di qualità, può essere il prezzo basso (non congruo con i reali costi di estrazione), ma anche O.E. di alto costo possono essere “taroccati”.

Se trovate un O.E. di rosa venduto a pochi euro, sappiate che ci vogliono 5000 kg. di petali di rosa per distillare un litro di olio essenziale, non so se mi sono spiegato. 

La gascromatografia viene indicata come test affidabile, ma una molecola naturale ed una di sintesi marcano nello stesso identico modo.

La qualità incide nell’uso, sicuramente per la resa quantitativa del prodotto, ma soprattutto in quanto non si conosce cosa realmente si va ad usare su di noi.

Attenzione all’uso, il mio consiglio è di non assumere gli oli essenziali per via orale (uso interno), in quanto alcuni sono tossici e pericolosi anche a bassissimi dosaggi, inoltre è il modo meno efficace e redditizio per veicolarli nel nostro corpo.

Informarsi sempre sulle controindicazioni possibili, tipo gravidanza, ipertensione, ipotensione, uso sui bambini, etc. etc.

 

 

INIZIO PAGINA